Crea sito

L’ON-MA ‘D ME PAPÁ

10603335_10203697179964088_2407975325910654560_n

 
regalziDuminica maten-na, dop tonc ani,
a sòn pasà pèr caso a riva Tani.
Amniva chi da citt còn me Papà,
d’allura u j’è pasà ‘n’ eternità.
U j’era ‘n pescadur còn in capè
cu stava lé, setà ans in burcé,
auriva andèi auzen per ciaciarè,
ma um riusiva nent ad caminè.Cul omi ch’era là setà ‘ns la barca,
u s’è vutà pianen da la part mea
e dop ‘n po’ da cul burcé u sbarca
um ven auzen e a pens: “Uà me cui smea!!!”“l’è nent pusibil, u smea a me Papà”,
forse l’è ammac ‘l frütt d’in bèl ricord,
purtrop l’è pü ‘d quenz’ani ch’ l’uma strà,
um pea l’emusiòn e a lengua ‘m mord.

“Sòn propi me” uardondmi ‘n j’ògg um diz,
“A j’ava tònta, tònta vòja ‘d vighti,
ch’a sòn surtì ‘n mument dal Paradiz”.

Domenica mattina,dopo tanti anni,
sono passato per caso in riva al Tanaro.
Venivo qui da piccolo con mio papà,
da allora è passata un’eternità.C’era un pescatore con un cappello
che stava lì,seduto inun burcello,
volevo andargli vicino per chiacchierare,
ma non mi riusciva  di camminare.Quell’uomo che era là seduto nella barca,
si è voltato pianino dalla mia parte
e dopo un pò da quel burcello sbarca
mi viene vicino e penso:”Come gli assomiglia!!!”“Non è possibile,sembra a mio Papà”,
forse è solo il frutto di un bel ricordo,
purtroppo è più di 15 anni che lo abbiamo sotterrato,
mi prende l’emozione e la lingua mi mordo.

“Son proprio io”guardandomi negli occhi mi dice,
“Avevo tanta voglia di vederti,
che sono uscito un momento dal Paradiso”.


Lisòndria, 11 Mars 2006
Gianni Regalzi