Quinta elementar a la “Scòla Bovio” (Gianni Regalzi)

QUINTA ELEMENTAR A LA “SCÓLA BOVIO”
(Ricord ad tonc ani fa)

El campon-ni d’la ceza i sunavu;
dói bot, trei bot, quattr’uri.
Ammac ‘na lampaden-na sut la volta.
L’inver l’era rivà e da la fnèstra
avghiva i cup del cà, ch’j’eru vistì
ad cula galaverna sporca e frigia
ch’um’ allagava ‘l cór ‘d malincunia.
A l’era ammac trei meiz ch’j’era cmensà
la scóla,
e a me um smiava zà ‘n’eternità.
La sabbia ‘d Tani, u sù, la bicicleuta,
a j’eru ammachi pü in bèll ricord.
El meister al parlava, al parlava,
ma me a sava nonca sec u diva.

Presente, imperfetto, congiuntivo…
Mec l’era bèll fè i tuffi ‘n cul fundón.

Li ricordate i sette Re di Roma?…

A sòn crujà an mez in comp ‘d gron.

Le parentesi tonde, quadre e graffe…
Prufüm ad fiordalisi tütt’antur.

La base per l’altezza fratto due…
La piònta ‘d fic, el pus e ‘nfónd la topia.

Volevo ricordarvi che domani
faremo una ricerca sui Romani…
La cana, i chigiaren, cula raveuza,
e ‘n popi ‘n là u stracol, per andè ‘nt j’ort.

Prendete il sussidiario, pagina trenta…
La pappagioia, i grill e ‘l rundanen-ni.

Il fiume Po è il più lungo dell’Italia…
Farfali culuraji chi bazu ‘l fiù.

L’è qrattr e dez e u són d’la campanèla
um diz che anche per ancó a l’è finija.
A büt quadernu e libi ‘n t’la cartèla
e ‘n fila tütt cuntent a sort da scóla.
Ad fóra u j’è la nebbia, al fa tonta frigg.
An gir u j’è pü ‘nzeun,
Ma ant’el me cór l’è forta la sperònsa
che prima ò po’ ui turnerà l’istà.

Lisòndria 21 Mars 2007
Gianni Regalzi
(El fió del Bosch e l’anvud du Smój)
(Da “L’Obiettivo e l’Anima”
Poesie di G. Regalzi e Foto di R. Novello)

TRADUZIONE dell’Autore
(La traduzione in lingua non segue
la merica dell’originale)

Le campane della chiesa suonavano;
Le due, le tre, le quattro.
Soltanto una lampadina sul soffitto.
L’inverno era giunto e dalla finestra
le tegole erano coperte
da quella brina sporca e fredda
che mi inondava il cuore di malinconia.
La scuola era iniziata soltanto da tre mesi,
ma mi sembrava già un’eternità.
La sabbia del Tanaro, il sole, la bicicletta,
non erano altro che un bel ricordo.
Il maestro parlava, parlava,
ma io non ascoltavo.

Presente, imperfetto, congiuntivo…
Come era bello fare i tuffi in quel fondone.

Li ricordate i sette Re di Roma?…
Sono coricato in mezzo ad un campo di grano.

Le parentesi tonde, quadre e graffe…
Profumo di fiordalisi tutto intorno.

La base per l’altezza fratto due…
La pianta di fico, il pozzo e il pergolato.

Volevo ricordarvi che domani
faremo una ricerca sui romani…
La canna da pesca, le esche,
quel tratto di fiume che porta agli Orti.
Prendete il sussidiario, pagina trenta…
I fiori di Gaggia, i grilli e le rondini.

Il fiume Po è il più lungo d’Italia…
Farfalle variopinte che baciano i fiori.

Sono quattro e dieci e il suono della campanella
mi avvisa che anche per oggi è finita la lezione.
Ripongo quaderni e libri nella cartella
e in fila, contento esco dalla scuola.
Fuori c’è la nebbia, fa molto freddo.
Per la strada non c’è più nessuno,
ma nel mio cuore è intensa la speranza
che prima o poi ritornerà l’estate tornerà.

Precedente Frugarolo - la chiesa (dicembre 2014) Successivo Auguri natalizi (2014)