Crea sito

LA GUARDIA NOTURNA DI CESU CH’U J’È ‘N PIASA

La guardia noturna di cèsu ch’u jè ‘n piasa,
l’ha facc la richiesta a l’aministrasiòn,
ad fè ‘l chёnt del marchёti , per vighi s’al pò,
finalment dop tònc ani, andèsna ‘n pensiòn.

L’adèt dèl cuntegi a l’ha verificà
che i chёnt i turnavu,
e còn ina lёtra ui l’ha comunicà.
Signor Tal dei Tali, GLI faccio sapere,

ch’al pò finalment andè fòr da’n tèl bali,
ma prima d’andè, u zògna fè l’inventari.
“L’inventari ‘d che cosa” la pensà con ‘n pó d’ònsia
“Ch’i ‘ndrenta ui ven ammachi chi ch’l’ha ma la pònsa”.

“Tutto quello che entra in questo locale,
deve esser pesato, lo dovrebbe sapere”
“A sòn d’acordi cun lü, che nulla si perda,
ma chi ‘ndrenta cum crёda, u i’entra ammachi d’la merda”.

“Quanto lei sta dicendo,
è una grande indecenza,
io lo devo sapere
cosa esce e cos’entra”.

“Mec a j’hό za dicc prima, me a sper c’um capisa,
chi ui ven tόnta gent, chi c’al caga e chi c’al pisa.
Quònd chi dròbu la porta, a pòs nent peizei tücc
e pò cuntrulè se n’hòn facc in bèl mügg.

A pòs nonc ublighèi ‘d fèila fè ‘n t’na butiglia
e pò cuntrulè che nessun se la piglia”.
“Ma, pensandoci bene, forse ha proprio ragione,
cosa scrivo però nella mia relazione?”

“Al pό scrivi ch’l’è ‘mnì e ch’ l’ha cuntrulà,
ch’l’ha peizà e ripeizà e la verificà:
Che la merce in questione, di primissima scelta,
era dentro a un bidone, ordinata a creanza”.

“Lei mi ha proprio convinto, farò certo così,
ma le chiedo sommesso, diggià che son qui
se può darmi un momento la chiave del cesso,
quando poi sarò uscito, faccia finta di niente,

perché ‘l depositato, non lo metto nel conto”.
“Ma cu staga tranquil, ai la las purtè a cà,
ma cu tira la corda,
quòndi che l’ha cagà”.

Lisondria, Utuber 2006
Gianni Regalzi (El fiò del Bosc e l’anvud du Smoj)