Crea sito

AMUR E MORT

AMUR E MORT

A’i vigh ancura là, ans cul pugiò
ch’i parlu e ‘s uardu ‘nt j’ògg
sensa capì
perchè i sentivu l’on-ma ch’la tremava.

A l’era u 3 Utuber 1960.

L’istà l’era finì e la sira frёsca
la culurava l’aria ‘d tinti forti.

“Sò nent ‘cme fè a dit cul ch’j’ho ‘nt el còr”.
Mentre ch’al parla, lü u ten j’ogg bass.
E lé ui rispònd con la sò vuz tremònta:
“E mè j,hò pòura ‘d senti cul che t’am vòri dì,
savrèisa propi nenta ‘se rispondti”.

La strà suta ‘l pugiò l’era desèrta,
u j’era ammac in ciuc n biciclёta
e ‘n popi ‘n là, in gatt cu scuratlava.
La luce ad cul lampiòn, l’ünic anvisch,
l’allüminava ‘n pò la strà bagnaija.

La porta del pugiò l’era druèrta
e us sentiva j’ater ciaciarè,
ma ‘nzёn u s’era acort,
che propi le a poc meter,
du on-mi is preparavu per l’infèr.

“T’al sai pü ben che mé ch’a son marià
e mé mujé un vò ‘ncura in bén ad l’on-ma,
ma ‘lè da ‘n pò che mé a pens semp a tè,
sò nenta cmélamai ,
ma ‘péna ch’a drób j’ògg, t’hò zà ‘nt’la ment”.
“Ơnche mé a sòn mariaja, ma mé marì
um trata ‘cme s’a fijsa nonc al mònd”.

Da cula sira anzёn u j’ha pü vist,
nè i familiar e nònca tücc j’amiz.

El sèrvi dèl cantòn, parlondzi an s’èl mercà
o quònd ch’i ciaciaravu ‘n v. Milazzo,
i favu tüti ‘l sò supuzision,
ma la versiòn ormai pü acreditaja,
a l’era cula ch’j’eru scapà ‘nsèma
e j’eru andacc a stè forse a Tirén.

I divu: “lé lè ‘na porca,
a l’ha abandunà el fiò e ‘l marì.
E lü ‘l curiva sempr a drera ‘l doni,
i sòn dòi spurcaciòn, dòi disgrasià”.

D’allura u j’è pasà pü ‘d quarònt’ani
e méa m viz ancura che ‘n sì giurnal
a j’avu publicà ista nutissia:
“Un pescatore ha rinvenuto
nel groviglio dei cespugli lasciati dalla
piena del fiume Tanaro, i corpi di due persone
strettamente abbracciate.
Si tratta probabilmente di duplice suicidio.
La perizia necroscopica fa risalire la morte
presumibilmente all’8 Ottobre.
I familiari sono stati avvertiti”.

Adès ‘ns cul pugiò u j’è i gerani
e ogni tònt a vigh
ina maznà ch’la giòga còn ‘na buata.

Anzёn l’ha mai facc caz, l’ha mai nutà,
ma mé, uardonda bén, j’hò vist tònt vóti
l’òmbra ‘d dù on-mi scüri
che còn la mòn ‘nt la mòm is uardu ‘nt j’ògg.

Lisòndria, 12 Dicembér 2007
Gianni Regalzi

TRADUZIONE

AMORE E MORTE

Li vedo ancora lì, su quel balcone/che parlano guardandosi negl’occhi/senza capire/perché sentono le loro anime tremere/ Era il 3 ottobre 1960/ L’estate era finita e la sera fresca /tingeva l’aria di tinte forti./”non so come dirti quel che ho nel cuore”./mentre parla lui tiene gli occhi bassi/e lei risponde con la voce tremente:/”Ed io temo di ascoltare ciò che vuoi dirmi/ non saprei cosa risponderti”/La strada sotto al balcone era deserta/c’era soltanto un ubriaco in bicicletta/e un gatto che correva./La luce del lampione, l’unico acceso/illuminava pigramente la stada umida di pioggia./ La porta del balcone era aperta/ e si sentivano all’interno altre voci/ma nessuno s’era accorto/che lì, a poche metri,/due anime si preparavano per l’inferno/./ “Tu lo sai, io son sposato/e mia moglie mi vuone un bene dell’anima, ma/è da un po’ di tempo che penso a te/appena apro gli occhi sei già nei miei pensieri”/”Anch’io sono sposata, ma mio marito/non sa neanche se esisto”/Da quella sera nessuno li ha più visti/Le comari del rione spettegolavano al mercato/e la versione più accreditata/era che i due amanti erano fuggiti a Torini./Dicevano:”Lei è una pocodibuono,/ha abbandonato figlio e marito./ e lui è un donnaiolo incallito,/ sono due sciagurati./ Da allora sono trascorsi quasi cinquant’anni/e ricordo le cromache del tempo scrissero/ (Vedi testo originale già in lingua)
Ora su quel balcone ci sono vasi di gerani/ e ogni tanto vedo/una bimba che gioca con una bambola/nessuno l’ha mai notato/ma guardando con attenzione, ho visto molte volte/l’ombra di due Anime scure/che con la mano nella mano si guardano negl’occhi.