Crea sito

VERS DA SBARÜUÀ

1011767_10204024462745953_657604201636884621_nVERS DA SBARÜUÀPer stèmna an po’ tranquil l’atra maten-na,
am sòn spaparasà an s’na panchen-na
e vist ch’a j’ava nent du tüt da fè,
am són anviscà ‘na ciospa pèr fümè,
ma poc pèr vota u j’è sciupà ‘n pastiss
ch’un mè amni fina tücc i cavì riss.Maznà ch’i rompu ‘l bali, con ch’i bòulu,
zitèli e uidui früsti ch’i ciaciaru,
sensoss ch’i bècu ‘l mon, el mur e i pé,
l’è propi nenta ‘l post ch’al fa per mè.

J’hó allura medità d’andè sut’acqua
per stènma ‘n po’ tranquil sensa cedel,
ma l’acqua ‘d Tani l’è pez che ‘na fogna
che s’ ‘ieisa d’andè ‘ndrenta um ven la rogna.

L’ünica solusión ch’um ven a taj,
‘l’è cula ‘d fèm la soma óli e aj
e rintanem da sira a la maten-na,
an cula stonsia anfónd a la canten-na,

ma ‘nt la canten-na u j’è ‘l baboni e i ratt
e tonta ratatuja d’amnì matt.
A ‘s punto chì, só propi pü se fè,
a pei la vègia gaba per sunè.

A sóin e cont el pen-ni at tücc j’amur
ch’an fón senti ‘nt el cór in grón dulur.
L’è tónta l’emusion, ‘sent cóud ant’j’oss,
forse u sarà perchè ‘m són cagà ‘adoss.

E adèss che me a són chi cò ‘l braji pen-ni,
a sent ch’i són finiji tütt el me pen-ni.

Lisòndria, 30 Magg 2008
Gianni Regalzi

Traduzione dell’autore

Versi “Spaventati” (Sbariuà è quasi intraducibile)

Per starmene un po’ tranquillo l’altra mattina,/ mi sono spaparazzato su una panchina/ e visto che non ho proprio niente da fare,/ m’accendo una sigaretta per fumare/ ma poco dopo è scoppiato un pasticcio/che mi ha fatto venire i capelli ricci./ Bambini che rompono le scatole con il pallone/ zitelle e vedove consumate che gridano/ zanzare che mi mordono le mani il viso e i piedi,/non è proprio il posto che fa per me/. Ho allora pensato di andare sott’acqua/ per trovare un po’ di tranquillità/ ma l’acqua di Tanaro è peggio d’una fogna/ tanto che se dovessi immergermi mi viene la rogna/. L’unica soluzione che mi resta/ è quella di farmi un panino col olio e aglio/ e rintanarmi dalla sera al mattino/ in quella camera in fondo alla cantina/ ma in cantina ci sono gli scarafaggi e i topi/ e tanta immondizia da impazzire./ A questo punto non so proprio cosa fare/ prendo la vecchia chitarra per suonare/. Suono e canto le pene di tutti gli amori/ che recano al mio cuore tanto dolore/. E’ tanta l’emozione, sento caldo nelle ossa,/ sarà perché me la sono fatta sotto./ Ed ora che sono qui con i pantaloni pieni,/ sento che sono finite tutte le mie pene.