Um Monca – Gianni Regalzi

UM MONCA Um monca la füm ad cul camen, el prufüm del castagni là ‘ns la stiva, cula curt con el fich e co’l pén e la ligna che ‘n fó la scrusiva. La schidela con lacc e cafè ch’la fümava la maten-na ‘ns la tóula, la piasëta con Pipu ‘l prichè e ‘l me con ant la cucia ch’al bóula. La sghiaròla ‘ndò cui nez i canal e la bursa d’ curam per la scóla, el prezepi sut’al festi ‘d Nadal con el scarpi bugiaji sutt la sóla. L’era invèr, có’l fiù ‘d giasa ‘n si veder, ma ‘ntel cór j’ava la giuventü cum scaudava có ‘l fó dla sperònsa ch’l’è vulaja e la turnerà pü. Alessandria, 2003 Gianni Regalzi (Tratto da “L’Obiettivo e l’Anima” Poesie di G. Regalzi e Foto di R. Novello) (Traduzione) MI MANCA Mi manca il fumo di quei camini, il profumo delle castagne sulla stufa, quel cortile con il fico e con il pino e la legna sul fuoco che scoppiettava. La scodella di caffélatte che fumava al mattino sul tavolo, la piazzetta con Pippo il parrucchiere e il mio cane che nella cuccia abbaia. La “SGHIAROLA” dove colano i canali e la cartella di cuoio per la scuola, il presepio sotto le feste di Natale con le scarpe dalle suole bucate. Era inverno con i fiori di ghiaccio sui vetri, ma nel cuore avevo la gioventù che mi scaldava con il fuoco della speranza che è volata e non tornerà più. (La traduzione in lingua non rispetta la metrica Dell’originale in dialetto)
UM MONCA<

br />Um monca la füm ad cul camen,
el prufüm del castagni là ‘ns la stiva,
cula curt con el fich e co’l pén
e la ligna che ‘n fó la scrusiva.
La schidela con lacc e cafè
ch’la fümava la maten-na ‘ns la tóula,
la piasëta con Pipu ‘l prichè
e ‘l me con ant la cucia ch’al bóula.
La sghiaròla ‘ndò cui nez i canal
e la bursa d’ curam per la scóla,
el prezepi sut’al festi ‘d Nadal
con el scarpi bugiaji sutt la sóla.
L’era invèr, có’l fiù ‘d giasa ‘n si veder,
ma ‘ntel cór j’ava la giuventü
cum scaudava có ‘l fó dla sperònsa
ch’l’è vulaja e la turnerà pü.
Alessandria, 2003
Gianni Regalzi
(Tratto da “L’Obiettivo e l’Anima”
Poesie di G. Regalzi e Foto di R. Novello)
(Traduzione) MI MANCA
Mi manca il fumo di quei camini,
il profumo delle castagne sulla stufa,
quel cortile con il fico e con il pino
e la legna sul fuoco che scoppiettava.
La scodella di caffélatte
che fumava al mattino sul tavolo,
la piazzetta con Pippo il parrucchiere
e il mio cane che nella cuccia abbaia.
La “SGHIAROLA” dove colano i canali
e la cartella di cuoio per la scuola,
il presepio sotto le feste di Natale
con le scarpe dalle suole bucate.
Era inverno con i fiori di ghiaccio sui vetri,
ma nel cuore avevo la gioventù
che mi scaldava con il fuoco della speranza
che è volata e non tornerà più.
(La traduzione in lingua non rispetta la metrica
Dell’originale in dialetto)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'immagine può contenere: spazio al chiuso

Precedente Vecchia scatola latta 'Pasticceria Signorelli Fermo' Alessandria - 1900 circa. Successivo DÈSIRÈE - Gianni Regalzi