Crea sito

TEI STACIA AUZEN A ME PER QUAZI ‘N’URA

Stei stacia auzen a me per quazi in’ura
setaja an s’na banchen-na an cula piasa,
a l’era nent a la maten bunura,
ma ‘n cui mument che u su, u tramónt al brasa.

La vita antur a noi la cuntinuava,
el machini i pasavu sensa posa,
ma l’era ‘n ti tó ógg che me a uardava
e tütt la vita, um smiava róza.

Ades tei andacia vea, tei lunton,
chissà se anche te at pensi ancura
a cui mument, a tütt cul’emusión

quónd ch’l’era nent a la maten bunura,
ma ‘n cui istònt che u su l’è ‘n’illuzión
e a tei stacia con me per quazi in’ura.

Lisòndria, 8 Agust 2006
Gianni Regalzi
(Da “L’Obiettivo e l’Anima”
Poesie di G. Regalzi e Foto d’Arte R. Novello)

TRADUZIONE dell’Autore

SEI STATA ACCANTO A ME PER QUASI UN’ORA

Sei stata accanto a me per quasi un’ora
seduta su una panchina in quella piazza,
non era mattino presto,
ma in quei momenti in cui il sole abbraccia il tramonto.

La vita ci scorreva intorno,
le auto circolavano senza posa,
ma era nei tuoi occhi ch’io guardavo
e tutta la via si tingeva di rosa.

Ora te ne sei andata lontano,
chissà se anche tu pensi ancora
a quei momenti, a tutte quelle emozioni

quando non era mattino di buon’ora,
ma in quegli istanti che il sole è un’illusione
e sei stata accanto a me per quasi un’ora.