TANAVLEN E PEDIVÈLA di Gianni Regalzi

TANAVLEN E PEDIVÈLA
U j’era Tanavlen e Pedivèla
ch’is eru tücc e dói annamurà
ad Cü Rutónd, ‘na gron bèla pivèla
ch’la stava an t’la medesima cuntrà.
Anzёn di dόi però l’ava l’ardì
ad dichiarè l’amur a cula Steila
e al rinviavu sempr al martedì
quóndi ch’l’andava al furn con la só meila.
Al suma tücc che u temp al curr sgagià
e cula Mata l’era semp pü bèla,
cui dói anvece semper pü sparzià
e antont ch’i stavu lé a meditè
cul gron bèll toc ad tunn ad Cü Rutónd,
dal panaté us fava strafugnè.
Lisòndria, 31 Magg 2007
Gianni Regalzi
[email protected]
http://xoomer.virgilio.it/gianniregalzi/

Traduzione dell’Autore.
Tanavlen e Pedivèla
C’erano Tanavlen e Pedivèla/che si erano entrambi innamorati/
Di Cü Rutond (Sedere Tondo) una gran bella figliola/
Che abitava nella stessa contrada.//Nessuno dei due però aveva il coraggio/
di chiarare il proprio amore a quela Stella/e lo rimandavano sempre al martedi/
quando Lei portava il granoturco al forno//Sappiamo tutti che il tempo corre in fretta/
e quella ragazza diventava sempre più bella/mentre i due amici sempre più rimbambiti//
e mentre stavano lì a meditare/quel gran pezzo di tonno della ragazza/faceva l’amore col fornaio//.
(La traduzione in lingua penalizza moltissimo il sonetto privandolo della musicalità propria del metro).
Gianni Regalzi
Gianni Regalzi
XOOMER.VIRGILIO.IT

Precedente Stazione di Milano Centrale - treno per Alessandria Successivo Capodanno Dicembre 2016