Crea sito

se almeno una volta l hai incontrata in bicicletta ..

Tutte le mattine, noi si andava a scuola con cappotto sciarpa e berretto e lei passava in bicicletta in maniche corte e senza calze.......mitica
Tutte le mattine, noi si andava a scuola con cappotto sciarpa e berretto e lei passava in bicicletta in maniche corte e senza calze…….mitica                                                           La cartolaia che cantava: Rensu Rensu t’et vendi la ciculata e me a son chi ca son mesa mata.                                                                           Io la conoscevo come la “Signora Sacco” che era il cognome del marito … sandali senza calze, smanicata in bicicletta estate e inverno a -10 !   è quella che aveva il negozio di giocattoli in via Cavour io ricordo solo che giravo in inverno coperta come un eschimese e questa donna girava in bici in manica corta…..allucinante..mi sono sempre domandata come faceva a non prendere la bronchite…….una volta l’ho trovata all’esselunga e ha comprato diverse scatolette di cibo per gatti….. Andavo nel suo negozio e stavo ore a guardare i giocattoli che più mi piacevano ma che non avevo i soldi per comprare, loro mi guardavano con simpatia e mi sopportavano malgrado non spendessi una lira, il marito s sedeva al pianoforte e mi suonava dolci canzoncine, io lo guardavo con sconfinata ammirazione. Lei aveva la divisa della foto, il marito indossava sempre il “toni” e la canottiera. E’ lei la giocattolaia di via Cavour la chiamavamo donna primavera                        se ti ricordi il negozio di giocattoli all’inizio di via Cavour,la cui proprietaria,girava in bicicletta anche in inverno in maniche corte con la pioggia e con il sole, con la neve e con il vento, sempre in bici, maniche corte e senza calze. E come si può dimenticarla!