SANTA LUCIA E LA TRADIZIONE DEL “LACABON”- 13 Dicembre

Piazzetta S. Lucia con i banchetti dei Lacabòn
Piazzetta S. Lucia con i banchetti dei Lacabòn

1549394_10205362131393310_1734635354044039622_n10177257_10205362133913373_4676861365765289915_n10846126_10205362129633266_9139805882140603051_n

1979533_862783833765871_9033522864833905420_n10856494_862783863765868_1715088649687071227_o

Piazzetta S. Lucia con le bancarelle dei lacabòn - 13 dicembre 2014
Piazzetta S. Lucia con le bancarelle dei lacabòn – 13 dicembre 2014
Preparazione del "Croccante" in Piazzetta S. Lucia - 13 dicembre 2014
Preparazione del “Croccante” in Piazzetta S. Lucia – 13 dicembre 2014
Preparazione del "Croccante" in Piazzetta S. Lucia - 13 dicembre 2014
Preparazione del “Croccante” in Piazzetta S. Lucia – 13 dicembre 2014

3134617108_lacabon_santa_lucia

1483779_10201933865260702_652029993_nUna festa molto sentita dagli alessandrini quella di Santa Lucia che si festeggia nella giornata del 13 dicembre. Per l’occasione il centro città, in particolare l’area di via Milano e della piazzetta antistante l’omonima chiesa, Santa Lucia, si veste di luci, colori e profumi, con un gran numero di bancarelle.
Ma soprattutto l’attrazione maggiore restano i tradizionali pacchettini di “lacabon”, venduti dai banchetti nella piazzetta di santa Lucia, di fronte alla chiesa. I bastoncini di zucchero filato e miele che piacciono ad adulti e bambini sono il ricordo che si mantiene sempre vivo nella tradizione di questa ricorrenza

Il lacabòn (o lecabòn) è un dolce artigianale tradizionale di Alessandria.
“Ha la forma di fune della lunghezza di 10 centimetri ed è composto di miele e zucchero. La sua ricetta in sé non è difficile ma richiede molta forza e un apposito lungo gancio fissato al muro ove appendere ripetutamente e torcere l’impasto di miele cotto e zucchero caramellato mentre si solidifica”, viene scritto da Luigino Bruni. Ma facendo un breve viaggio nella storia di questo dolce non si può non ricordare “il decano dei fabbricanti di lacabon”, Leonardo Fortino, scomparso nel 2004, che imparò l’arte dal nonno e dal padre, custode in casa del calderone in cui bollire l’impasto e del chiodo su cui tirarlo e stirarlo. E poi Vincenzo Leone, che ogni anno prepara lo speciale dolce per gli alessandrini. Che il lacabon faccia parte della storia di Santa Lucia lo si capisce anche da chi “lo esalta in rima” questo dolce, al ritmo della poesia dialettale
Il lacabon (chiamato anche leccabon) ha ricevuto la Denominazione comunale d’origine dal comune di Alessandria.

 

“SANTA LUCIA
NOTTE LUNGA
LA PIÙ LUNGA CHE CI SIA ..
ENTRERÀ NELLA MIA CASA
NELLA NOTTE SILENZIOSA…”

 

 

Precedente FOTOGRAFIA DI UOMO CON BAFFI. FOTOGRAFIA MIGNONE ALESSANDRIA. Successivo LA CANSON 'D BURMIA