Crea sito

Ricordo dei giardini pubblici.

15959216_DSCF5052 71371362_DSCF5043 128426010__DSF5026 176382098_DSCF5053 288988071__DSF5023 702727514__DSF5024 1950628167_DSCF5044 2440032614_DSCF5046 2489632741_DSCF504115793025__DSF50192704330761__DSF5025 2749512834_DSCF5042Chi ha paura dei bambini che giocano?

In città, in ogni città, è in corso una battaglia fra chi può animare spazi pubblici riempendoli di vita e chi non vede l’ora che questi vengano abbandonati per poterli occupare con traffici illegici. L’amministrazione potrebbe dare una mano alla parte sana della città: quando succederà?
ALESSANDRIA – Ricordo i giardini pubblici, quelli di fronte alla stazione, come veri e propri compagni d’infanzia: sono stati fra i luoghi a me più cari, circa 20 anni fa. Hanno assistito a tante sfide a palloneconsumate nello spiazzo circondato dagli alberi fra l’area dei giochi per bambini e il “laghetto dei cigni”. Quanti dribbling in quel piccolo spazio, quante sudate, quante emozioni. 

Lo stesso “laghetto dei cigni”, l’unico nome con cui l’ho sempre sentito chiamare, è stato per me a lungo “il luogo più romantico di Alessandria”, protagonista dei miei sogni a occhi aperti. Lì avrei voluto confidare il mio amore a una fidanzatina, lì, speravo da piccolo, avrei chiesto la mano alla mia futura moglie. 

Al “Piccadilly”, poco distante, ho imparare a giocare a biliardo, ho consumato le postazioni dei videogames, ho trascorso pomeriggi con i miei amici e qualche mattina, lo confesso, invece di essere a scuola. 
Oggi riguardo quel piccolo quadrato di giardini con un misto di rabbia, malinconia e delusione. Una scultura non ben identificataè stata collocata al centro dello spiazzo, più o meno all’altezza del nostro storico “centrocampo”. Il laghetto è prosciugato, spoglio, circondato da rifiuti. Il Piccadilly distrutto, abbandonato, in rovina. Un cartello campeggia sui prati, ricordando la sequela notevole di divieti che vigono al parco: non si può giocare a pallone, sedersi sui prati, dormire o coricarsi sulle panchine, neppure andare in bicicletta. Insomma, è sostanzialmente proibito vivere il parco. I giardini pubblici di fronte alla stazione muoiono sempre un po’ di più, e non può sorprendere a questo punto che vengano utilizzati anche per lo spaccio e per ospitare traffici illeciti. Là dove non ci sono più bambini che giocano, famiglie che passeggiano, o che fanno picnic sui prati è molto più facile che prendano spazio i malintenzionati. Non il contrario. Lavorare perché i giardini tornino frequentati e a misura di alessandrino era una priorità, ma i risultati, basta azzardarci una passeggiata in mezzo, sono molto lontani.Perché altrove ci si può stendere sui prati senza che nessuno si sogni di multare le persone che decidono di passare così un pomeriggio, magari con un bel libro in mano? Chi ha paura di bambini che giocano a pallone in un parco? E’ davvero così insopportabilmente pericoloso che ci possano girare le biciclette? Il massimo che mi sia capitato di vedere, da ragazzo, è stato qualche anziano signore che, infastidito da un pallone calciato troppo vicino, si spostava una panchina più in là. Altri tempi… che oggi mancano profondamente a me e forse anche ad Alessandria.
18/08/2014
Marco Madonia – [email protected]

Ex pista di pattinaggio
Ex pista di pattinaggio
ex pista di pattinaggio
ex pista di pattinaggio
ex pista di pattinaggio (2015)
ex pista di pattinaggio (2015)

alessandrianews.it107192819__DSF5018 2661015994__DSF5022-2