Crea sito

PRUFÜM ‘D RUZMAREN

U sa sposta la riga d’ómbra da la miraja
an cula vègia curt co ‘l piónti e ‘l fiù.
La và semper pü anòn,
a póss nent fermèla,
la smorta piòn pianén tücc i culur.
La porta ‘n fónd la curt
adèss a l’è saraja
e an s’la galerea a vigh pü ‘nzёn.
U j’è pü ‘l maznà ch’i giógu con la bala
e a sent pü ‘l prufüm ad ruzmaren .
‘Na vota cula porta l’era druèrta
e u sù u stava ‘n cà tütt la maten,
ma ormai ist’ómbra chì la va pü ‘ndrera
e u sù a l’è ammach pü ‘nt la me ment.

Alessandria, Autunno 2003
Gianni Regalzi
(Tratto da “L’Obiettivo è L’Anima” di G. Regalzi e R. Novello)
(Diritti riservati Legga 633 del 1933)

Traduzione a senso dell’autore

Si sposta la riga dell’ombra dal muro / in quel vecchio cortile con gli alberi e i fiori.
Avanza sempre più / non posso fermarla / spegne piano piano tutti i colori.
La porta in fondo al cortile / ora è chiusa / e sul ballatoio non vedo nessuno.
Non ci sono più i bambini che giocano a palla / e non si sente più il profumo di rosmarino. / Un tempo quella porta era aperta / e il sole la illuminava per tutto il giorno / ma ormai quest’ombra non va più indietro / e il sole resta soltanto nella mia mente1520618_10202007358439606_1341170087_n