Palazzo delle Poste in Piazza della Libertà – Mosaico di Gino Severini

La storia della telecomunicazione in un mosaico di 38 metri
La storia della telecomunicazione in un mosaico di 38 metri

13265845_1691851797743501_905926789519074926_n

Alessandria, 27 aprile 1941. Si inaugura il Palazzo delle Poste di Alessandria, progettato dall’architetto Franco Petrucci. Un palazzo che pare subito troppo minimalista, ma solo se visto di lontano: gli interni sono ravvivati da un affresco di Giulio Rosso e da un mosaico del pittore futurista Gino Severini. Sono di Severini anche i mosaici che si sviluppano per 38 metri sull’esterno dell’edificio, ripercorrendo in modo allegorico la storia della posta e del telegrafo.
Alessandria, 27 aprile 1941. Si inaugura il Palazzo delle Poste di Alessandria, progettato dall’architetto Franco Petrucci.
Un palazzo che pare subito troppo minimalista, ma solo se visto di lontano: gli interni sono ravvivati da un affresco di Giulio Rosso e da un mosaico del pittore futurista Gino Severini. Sono di Severini anche i mosaici che si sviluppano per 38 metri sull’esterno dell’edificio, ripercorrendo in modo allegorico la storia della posta e del telegrafo.

Alessandria-palazzo delle Poste.jpg

Il palazzo delle Poste di Alessandria è ubicato in piazza della Libertà. Edificato tra il 1939 e il 1941 di stile schiettamente razionalista è decorato con un bel mosaico lungo 38 metri di Gino Severini sulla facciata.

Severini1.jpg

Severini3.jpg

 

13612359_10208530408211580_5803498633545875436_n

13528603_10208530426212030_5327633697325220833_o

13567182_10208530411891672_1839781630470962812_n 13600173_10208530413051701_6806031043482929650_n

Alessandria: il mosaico del Palazzo delle Poste di Gino Severini

Il palazzo delle Poste di Alessandria sarebbe un palazzo banale e anche un (bel) po’ bruttino se non ci fosse a impreziosirlo il mosaico di Gino Severini collocato sulla fascia basamentale e spezzato dall’ingresso del palazzo. Un mosaico mica da ridere, tra l’altro: 37,80 metri di lunghezza per 1 metro e 20 di altezza in cui si racconta la storia delle comunicazioni (NB alcune fonti sostengono che sia lungo “soltanto” 37 metri o “addirittura” 38: se qualcuno è di passaggio ad Alessandria ed ha voglia di misurarlo, mi faccia poi sapere nei commenti, io mi accontento di un “circa”). È stato realizzato dall’artista toscano tra il 1940 e il 1941 e recentemente restaurato.
Storia dei servizi delle Poste e dei Telegrafi, questo è il nome corretto, è un’opera molto interessante che si divide in tre parti: quelle laterali rappresentanti i continenti (a sinistra Oceania e Asia, a destra Africa e America) e quella centrale, più lunga rispetto alle altre due, dedicata alla storia delle poste e del telegrafo. Severini illustra la città moderna, dominata da un dinamismo funzionale e crescente sviluppo della meccanizzazione dei servizi e dei trasporti.
Il palazzo delle Poste di Alessandria si trova nella centralissima ed enorme piazza della Libertà. Nell’atrio interno del palazzo si trova un altro mosaico di Gino Severini di dimensioni decisamente ridotte rispetto a quello esterno. Rappresenta le comunicazioni via terra, cielo e mare ed è visitabile durante gli orari di apertura della Posta.

http://www.tastingtheworld.it/alessandria-mosaico-palazzo-delle-poste-di-gino-severini/5193/

Alessandria: il mosaico di Gino Severeni (Palazzo della Posta)

Alessandria: il mosaico di Gino Severeni (Palazzo della Posta)

Alessandria: il mosaico di Gino Severeni (Palazzo della Posta)

11100595_835210669880528_8855086828862231171_n 11141311_835210719880523_892173240085155963_n 11156139_835210773213851_3568988522493959100_n11159470_835210666547195_3425995859013443245_n11168025_835210716547190_271111891560549607_n11202600_835210806547181_5288679189608286144_n10297560_835210899880505_7796346632457565152_n10985865_835210926547169_1234525462940451562_n 11000278_835210929880502_4017383013981411316_n 11070344_835210809880514_6911557803014714592_n 11146184_835210836547178_2976830486613850543_n 11159552_835210883213840_8652412783499313971_n11193229_835210876547174_937814709459854118_n 11193332_835210859880509_1119962292347188912_n10917284_835211046547157_8712883216901615400_n 11031997_835211023213826_2112277493806849779_n 11110269_835211079880487_8248704535364622210_n 11149342_835210986547163_5875739865658242456_n11178279_835210953213833_6073732193052063644_n11180296_835211003213828_386957016234808112_n 11182114_835211083213820_8186583248959287996_n

 

Il palazzo delle Poste di Alessandria si trova nella centralissima ed enorme piazza della Libertà. Nell’atrio interno del palazzo si trova un altro mosaico di Gino Severini di dimensioni decisamente ridotte rispetto a quello esterno. Rappresenta le comunicazioni via terra, cielo e mare ed è visitabile durante gli orari di apertura della Posta.

In pericolo il mosaico prezioso di Severini, sulle pareti delle Poste di Alessandria

In pericolo il mosaico prezioso di Severini, sulle pareti delle Poste di Alessandria

Squarci di mare e di cielo, ciminiere di una nave, aerei e ingranaggi di macchine, animali  e personaggi dei cinque continenti.  Da circa 25 anni un cittadino, ora pensionato, Tony Frisina, conduce una battaglia personale per salvare dal degrado urbano  il mosaico  che Gino Severini realizzò con vividi colori sul Palazzo delle Poste di Alessandria all’inizio degli anni ’40. Illustra  la storia delle telecomunicazioni, dai primi trasporti per mare, agli aerei, al telegrafo.  I lavori del pittore di Cortona, prima divisionista, poi futurista e infine cubista – di cui ricorre quest’anno il cinquantenario della morte –  sono molto quotati: un suo pastello su carta è stato stimato un milione e 300 mila euro, un olio su tela del 1951 è andato all’asta  da Sotheby’s a più di 3 milioni di dollari. Chissà quanto varrà questo mosaico lungo 38 metri, e alto 1 metro e 20. Eppure gli alessandrini sembrano non accorgersene, tanto da appoggiare al mosaico le proprie biciclette. Non così il pensionato Frisina e non Philippe Daverio, che ha lanciato l’allarme in un’ intervista rilasciata di recente a Rai News. Severini, nato a Cortona nel 1883, giunse diciottenne a Roma. Qui Giacomo Balla lo avviò alla pittura divisionista,  che approfondì a Parigi. Fu tra i firmatari nel 1909 del Manifesto del futurismo. A Parigi fu a contatto con Pablo Picasso, Georges Braque, Juan Gris e Guillaume Apollinaire, e partecipò al nascere e allo svilupparsi del cubismo. Morì a Parigi nel 1966.

http://torino.repubblica.it/cronaca/2016/04/12/foto/in_pericolo_il_mosaico_prezioso_di_severini_sulle_pareti_delle_poste_di_alessandria-137476186/#1

Alessandria: il mosaico di Gino Severeni (Palazzo della Posta)

10419057_341808772658520_636207248633210889_n10676333_719952448059286_3595454827576851369_n

Precedente Lungotanaro Successivo La campagna del Monferrato