Crea sito

Navigando nel dialetto alessandrino: La vendemmia

Ambariàg – ubriaco, chi per aver bevuto troppo va vacillando ed ha la mente offuscata. Anche ciuc.

Amora – àmura. (s. f.). fiasco, ampolla.
Amuròn = fiascone.

Anciuchè – ubriacare.

Asnéi – aznéi – acino; ciascuno dei granelli d’uva di figura globosa e ovale, l’unione dei quali sul raspo forma il grappolo; nell’acino si trovano i vinacciuoli, che sono i semi della vite. Gli acini, quando s’è tolto il vino, diconsi vinacce.

Bicér – bicchiere. – ün bicér ‘d vén = un bicchiere di vino.

Bùta – bottiglia.
Butàla – botte

Butiglia – bottiglia.
Butigliëta = bottiglietta;
Butigliòn = bottiglione, grossa bottiglia generalmente usata per il vino da consumarsi quasi quotidianamente

Ciùc – ubriaco.
Ciùc ‘me ‘n rat = ubriaco fradicio (lett. come un topo).
Ciùca – ubriacatura.

Dùja – piccola botticella portatile

Dusëtt – Dolcetto, vino tipico piemontese

Firàgn – filare di viti

Franséiza – secondo vino.

Gublòt – gamella, bicchiere da osteria.

Infernòt – luogo sotterraneo per riporvi le bottiglie.

Mëscc [vén] – mësscia – vino misto con acqua.
Mësscia – vinello, acquarello, specie di mezzo vino, fatto con acqua lasciata stare qualche tempo nelle vinacce, sottrattone prima il vino.
Mèz vén, mezzo vino, ottenuto dalla torchiatura delle vinacce dopo aver tirato il vino di prima canna.

Nàta – tappo di sughero, turacciolo

Nebiò – Nebbiolo, vitigno pregiato e vino di costo.

Piómba – sbornia.

Pirulén-na – vino di uva fragola, quello che si ottiene dalla fermentazione dell’uva americana.

Ràpa – graspa, vinaccia
Ràpp – grappolo, racimolo, è un ramicello del tralcio, diviso in altri e poi in altri, successivamente minori, in cima a ciascuno dei quali è un acino d’uva.

Rapurè-rapulè – raspollare, raccogliere i grappoli lasciati dai vendemmiatori.

Torcè – torchiare (per torchiare le vinacce per ottenere il terzanello)
Tòrcc – torchio.
torcéira – vino torchiato, vinello

Vén – vino.
Vèndemiè – Vendemmiare

Zgarzó – viticcio, riccio del tralcio della vite che inanellando s’avvolge intorno al sostegno.

Amzuri ‘d capassità piemontéisi (pr’ij lìquid)

Cara (l 492,8469)

Botal (l 394,2768)
Brenta (l 49,2846)
Botalen (l 40~)
Rub (l 8,2141)
Seslen (l 5~)
Penta (l 1,3690)
Bota (l 1~)
Cassù (l 0,7~)
Bocal (l 0,6845)
Mesa (l 0,5~)
Quarten (l 0,3422)
Bicer (l 0,2~)
Gossa (l 0,003~)
Stissa (l 0,0003~)
Amzuri’d capassita piemonteisi (pr’ij liquido) Cara (l 492,8469) Boakye (l 394,2768) Brenta (l 49,2846) Botalen (l 40 ~) Rub (l 8,2141) Seslen (l 5 ~) Penta (l 1,3690) Bota (l 1 ~) Cassú (0,7 l ~) jar (l 0,6845) Mesa (l 0,5 ~) Betts Quarten (l 0,3422) (l 0.2 ~) Gifford (l 0,003 ~) Stissa (l 0,0003 ~)

Damisän-na – damigiana
Brenta – misura di capacità (circa l 50) e recipiente ad essa corrispondente
Brentador – trasportatore di “brenti”; fig. persona dai modi rozzi, chiassosa: crijè cme ‘n …

Bònza, vassela, vasslòt – vari tipi di botte
Spinò – zipolo
Sgarzolè – tondere, scacchiare, spampanare
10686912_810403509003904_3714885293668729074_n