Crea sito

‘NA SIRA ‘N BICICLEUTA ‘N VIA MILAZZO

‘NA SIRA ‘N BICICLEUTA ‘N VIA MILAZZO

‘Na sira ‘n bicicleuta ‘n via Milazzo,
a l’era circa sinquónt’ani fa,
a pedalava sensa pensè ‘n cazzo,
uardonda an po’ da chì e ‘n po’ da là.

A l’era ant’egl’eunz’uri, l’era za sira,
am viz ch’a l’era scür ‘cme ‘n buca au luf,
ha l’hó intravista lé, an mèz la via
e a j’hó sbandà acmé se a fijsa ciuc.

Ant la penombra lé un smiava bèla,
a j’hó pensà: “ che furtinà ch’ha són,
a sava nent ‘cme fè per tütt la sira,
magari a j’hó rangià la situasión”.

U m’ha uardà con la só bèla cera
E pó u m’hà dicc: “stai con mè questa sera,
l’era da ‘n po’ ch’j’era chi ch’at spiciava,
sü, dat da fè, ch’ a són net cara”.

J’hó ciamà: “quónt sold ch’at vóri?
“Con trei sac, o bèl fanciot,
at stai cón mè in para d’uri,
o sing mila, tütt la nócc”.
Am són bitì ‘n món an sacocia
per tire for a I dané,
j’hó truà ‘n bógg ant la giaca
quindi ha sava pü se fè.

A j’hó dicc: “Bèlla signora,
lèi ha proprio un bèl facen,
sto con tè per qualche ora
e ti pago admon matén”.

Uarda che mé a són nenta ansansaja,
l’è pü ‘d trónt’ani che faccio la scaja
quindi camina e chì fat pü vighi,
pedala fort e fatt pü vighi.

J’hó ‘nfurcà la bicicleuta
e veloce ‘cmé ‘n quajott
són rivà fina ‘n piaseuta,
l’era quasi ant i dói bott.

A j’hó uardà s’ u j’era ancura j’amiz,
ma an sèl cantón j’era nonca pü ‘n con,
l’ammiginava che anche ‘sta nócc
l’avreisa pià propi ‘n cul post.

Né la scaja, né j’amiz
a só propi pü se fè,
ma ‘na vota me am n’anviz
j’era quasi mai a pé,
ma ‘sta sira la furteun-na
ha l’ausì fichèi u naz
meno male ch’u ‘j’è la leun-na
vagh a trèma n sèl pajass.

A són rivà auzen la purtineuta,
entra nt la curt e a poz la bicicleuta,
pó entra n cà e pèr nent svigè i vèg,
a fass pión pianen e am trag ans u lecc.

Lisòndria, 20 setember 2002
Gianni Regalzi
(El fió del Bosch e l’anvud du Smoj)

TRADUZIONE

UNA SERA IN BICICLETTA IN VIA MILAZZO

Una sera in bicicletta in via Milazzo/circa cinquant’anni fa/pedalavo senza pensare a nulla/guardando un po’ di qua e un po’ di là.
Erano le undici disera/ricordo che era scuro come in bocca al lupo/l’ho intravista lì in mezzo alla via/ e ho sbandato come fossi ubriaco/
Nella penombra mi sembrava bella/ho pensato “come sono fortunato/non sapevo come passare la sera/magari ho risolto il problema/.
Mi ha guardato in modo cortese/e mi ha detto “stai con me questa sera/era da un po’ che ti aspettavo, su deciditi, non sono cara”/.
Gli ho chiesto “ quanto vuoi?”/con tre mila lire, stai con me per un’ora e cinque mila tutta la notte/.Ho cercato il portafogli, /ma avevo la tasca bucata/non sapevo come comportarmi/.
Le ho detto: “Bella signora, lei ha proprio un bel faccino,/sto con te per qualche ora/e ti pago domani mattina/. Guarda che non sono rimbambita/sono trent’anni che faccio la vita/quindi va via e non farti più vedere/. Ho inforcato la bicicletta/ e veloce come una quaglia/sono arrivato sino in piazzetta/erano ormai le due/.
Ho guardato se c’erano gli amici/ma al solito posto non c’era nessuno/l’immaginavo che anche questa sera sarebbe andata buca/. Né la prostituta, né gli amici/non so proprio cosa fare/ma una volta ricordo non ero mai da solo/ma questa sera la sfortuna/ha voluto ficcare il naso/meno male, c’è la luna/vado a dormire./
Sono arrivato davanti casa/entro in cortile e poso la bicicletta/poi entro in casa e per non svegliare i genitori/faccio pian piano e mi butto nel letto.