Crea sito

‘NA SIRA D’ISTA’ AD TONC ANI FA

10644467_10203941296386846_8217546848934495100_n‘NA SIRA D’ISTA’ AD TONC ANI FA

Mec l’era bèl v. Volturno tònc ani fa, an cul siri d’istà , quònd che ‘l doni, dop avei mangià con tütt la famija e dop avei lavà i piatt, i piavu u scagnёt e as setavu ‘d fòra dai purtòn, l’ёn-na auzen a l’atra.
U j’era Tuniёta la quaront’ani, Lavinia la butièra, Angelina la materasèra, Maria la purtiera d’la curt di Siur e la siura Amalia (ch’ l’arijva semper ).
Chi ch’la fava la maja per l’inver co’l gügi lònghi, chi ch’la chiziva i scapen con l’òvv ad ligna e chi ch’la criticava la sò ausen-na ‘d cà, perchè ui stendiva semper i lansò dadnon a la sò porta.
An popi ‘n la, u j’era j’omi del cantón: Artemio u drughè, Aristide u savaten, Stevu ‘l verdiré, Giuseppe ‘l carbunen, Pipu ‘l prüchè, Palen cul del vén e i fradè Luigi, Pietro, Giulio e Mario ch’i favu i bianchén.
J’omi, ad solit i stavu per só chёnt, tüc con auzen el butiglión. I parlavu ad cacia, ad pёsca e del mudifichi cu j’era da fè an sel bicicleuti per pudei cariè pü toli ad causen-na.
U temp al pasava, i butigliòn semper pü vòi e ‘l discussión semper pü cóudi.
I cmensavu da che chigiaren drubè per ciapè pü quajaster e inevitabilment j’andavu a finì a cul bastard del padròn d’la fabbrica, cu ten tütt per lü e al fa mòri ad fam i só uperai. I cmensavo con l’esaltè el qualità d’in con da cacia, e j’andavu a finì puntualizonda, che l’aument d’la delinquensa l’era culpa ad cula “pitana d’la Merlin” ch’l’ha facc sarè i cazen.
Ormai i butigliòn j’ero vói e j’ógg semper pü lücid: l’era ura d’andè a drumì. El doni s’anviaravu ciamonda j’omi e dindji ‘d piantèla le ‘d criè, che antont an sacocia u j’andava a finì propi niente.
U ciar d’la lёn-na al culurva d’argent el miraji del cà, i rundòn vulònda bass j’andavu an ti sò ni, cuca rataròula sbariuaja la girava cme na ciuca e, d’anfònd ‘d via Volturno us sentiva Zocula el panaté che ciflònda l’andava an tù só furn e ‘l cmensava a travajè.

Lisòndria, 29 Nuvemvber 2002
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosch e l’anvud du Smòj)

TRADUZIONE

UNA SERA D’ESTATA DI TANTI ANNI FA’

Come era bello v. Volturno tanti anni fa, in quelle sere d’estate, quando le donne, dopo aver cenato con tutta la famiglia ed aver sbrigato le faccende domestiche, si sedevano sui loro sgabelli fuori dai cortili l’una accanto all’altra.
C’era Antonietta soprannominata la quarant’enne (nonostante la sua veneranda età, asseriva di avere quaranta anni), Lavinia la bottegaia, Maria la portinaia di casa Pittaluga e la Sig.ra Amalia che rideva sempre.
Chi lavorava a maglia, chi cuciva i calzini con l’uovo di legno e chi criticava la sua vicina di ringhiera perché stendeva sempre le lenzuola davanti alla sua porta.
Gli uomini erano seduti per conto loro; Artemio il droghiere, Aristide il calzolaio, Stefano il verduriere, Giuseppe il carbonaio, Pippo il barbiere, Paolino il vinaio e Luigi, Pietro, Giulio e Mario, i fratelli decoratori.
I bottiglioni di vino non mancavano mai. Parlavano di caccia, di pesca e delle modifiche da apportare alle loro biciclette per renderle più idonee al trasporto delle merci.
Il tempo passava, i bottiglioni sempre più vuoti e le discussioni sempre più accalorate.
Si cominciava a discutere su quale esca adottare per catturare più cavedani e inevitabilmente si arrivava ad inveire contro al padrone della fabbrica che non da’ l’aumento ai suoi operai. Si iniziava con l’esaltare le qualità dei loro cani da caccia e, con estrema naturalezza si arrivava ad asserire che la responsabilità dell’aumento della delinquenza era da attribuire alla senatrice Merlin che aveva imposto la chiusura delle case di tolleranza.
I bottiglioni erano ormai vuoti e gli occhi sempre più rossi; era l’ora di rientrare in casa.
La luna dipingeva d’argento i muri delle case, i rondoni volando a cerchio si rifugiavano nei loro nidi, qualche pipistrello girava a zic-zac e, dal fondo di v. Volturno, Zoccola il panettiere fischiando, raggiungeva il suo forno per incominciare a lavorare.