Crea sito

Lo stadio “Giuseppe Moccagatta” (Stadio Littorio)

921_0011966746_10202712475046887_165449668_n9993_641820935862163_1684090930_n1384360_641820179195572_1841764108_n1929 – Tra le opere di edilizia urbana del trentennio fa spicco lo “Stadio Littorio”, oggi “Moccagatta”, struttura degna della tradizione calcistica e della fama di una squadra che recitava in serie A. Il suo pubblico, critico e impietoso ma competente, ebbe così il suo “Regio” dove opporre gli applausi ai fischi, a seconda delle circostanze. Un pubblico però fedele, che nonostante i brutti tempi odierni dimostra attaccamento, un pubblico che dopo aver applaudito grandi tenori, dopo aver coccolato, fino a Rivera, grandi campioni, è passato dalla speranza di un ampliamento funzionale a gradi aspettative a un ridimensionamento ineluttabile, conscio tuttavia che almeno il suo cuore merita più ampi e moderni spazi e maggiori soddisfazioni calcistiche.

Campo-del-Littorio-stadio-3

Il solitario passante, che transita senza disturbare minimamente il lavoro del fotografo, è forse ignaro di passare alla storia – seppure in forma anonima – soltanto per essere capitato nel posto giusto al momento giusto.

La visione di questo pezzo di strada rende fedelmente all’osservatore la dimensione della città d’un tempo. Automobili del tutto assenti e sicuramente non soltanto nell’istante dello scatto e inoltre anche ogni altro mezzo di trasporto e di locomozione è visibile. Questo era proprio il senso del tempo, il profumo dell’epoca, il ritmo della vita in Alessandria; molto similmente a come lo era in moltissime altre città di provincia del resto della Nazione.

Le case prospicienti il viale erano a quel tempo relativamente recenti essendo le prime costruzioni nate dopo lo smantellamento dei bastioni e – grosso modo – ne occupavano il sedime in quel tratto di città ove molti anni addietro sorgeva porta Ravanale,  detta anche porta Rezolia dal nome del vicinissimo quartiere Arşola.*  A questo rione alessandrino era affettuosamente affibbiato (forse dal resto della città) il nomignolo “Quartiere della rogna” e questo la diceva lunga sulla salubrità della zona… Porta Ravanale era uno degli accessi alla città e permetteva di controllare il transito di persone, cose e mezzi, garantendo, quando di legge, il pagamento delle dovute gabelle.

L’abitato, da tutti conosciuto col nome di Orti, esisteva già oltre la cinta muraria e soltanto dopo l’abbattimento dei bastioni, non è più stato un’appendice distaccata ma è è diventato sempre più una parte della città,separato solamente da questo viale di circonvallazione.

Per finire vorrei invitare a porre lo sguardo sul terreno. Pare fosse in terra battuta ed un piccolo canaletto garantiva lo scorrimento delle acque meteorologiche.

Gli appassionati frequentatori del Mocca sapranno ancora ritrovare le piccole differenze che il tempo ha portato al nostro mitico campo da pallone.

* – La esse di questa parola, di derivazione popolare, deve essere pronunciata come nell’italiano “casa”.

Il Mocca prima alluvionato e poi in fase di rifacimento dopo la tragica alluvione del 6 Novembre 1994.
Il Mocca prima alluvionato e poi in fase di rifacimento dopo la tragica alluvione del 6 Novembre 1994.

1743496_657627541001330_7968281683092270424_n10450169_657627524334665_7928936045534593512_n10584096_657627427668008_5378691501436535357_n 10672316_657627464334671_5459524935302829844_n

mokkaPaschiero_illuminazione piantastadio posti-esauriti-SA Stadio_G._Moccagatta_di_Alessandria Stadio_G._Moccagatta_di_Alessandria_Vista stadio_moccagattaIMG_0697import7878maxresdefaultmocca1moccagatta-300x166-w300-h300imageimages (2)imagesmoccagatta-620x350moccagatta-stadionuovacurva22gen10funerale-sic-22Alessandria-42_500x375 Alessandria-57_500x375 Alessandria-62_500x375 Campo-del-Littorio-stadio-261701454 100044142_IMG_4045 ac22a599781ab0bfabc8f3499277afdb-w300-h300 accrediti alessandria6be0f8f88f77c306209ce29e287647f2 59887_stadio_moccagatta_alessandria 1384360_641820179195572_1841764108_n 10431690_657627471001337_4788148643501708332_n 10513355_10203257310426075_624698842574901030_n 11694968_608712525937186_1017092876791780268_n

15726479_899500740186523_2091314927583793301_n

foto Massimo Mussi – dic 2016

1934616_1188989294444773_2140677858535235164_n