Crea sito

LA FIU’ D’LA MORT ( “DIGITALE PURPUREA” Lisàndren-na)

LA FIU’ D’LA MORT
( “DIGITALE PURPUREA” Lisàndren-na)

U j’era ammacc ‘na fiù, antur tütt spen-ni
èrba brüsaja e arbüst secà dau sù.
An mèz a tücc ‘s’j’auren, cula fiù rusa
um dava am po’ ‘d sperònsa an fónd al cór.
“El mónd l’è nent finì” me a pensava,
“Cuccoza ad bèl u j’è ‘ncura, basta serchèl”.
A j’hó slungà la mòn tüta tramonta
per vighi s’l’era in’allücinasion ,
ma pena ch’j’hò sercà ad caresèla,
j’hó vist antura mé ina gròn nèbbión,
la testa a l’ha cmensà a girèm fort,
an t’in minüt u m’è mancà tütt l’aria,
an tèra a són cascà e pò a són mort.

Lisòndria, 1 Agust 2006
Gianni Regalzi
(Da “L’obiettivo e l’anima”)

Traduzione dell’Autore
IL FIORE DELLA MORTE
(“Digitale purpurea” Alessandrina)

C’era soltanto un fiore, intorno tutte spine
erba bruciata e cespugli disseccati dal sole.
In mezzo a tutte quelle rovine, quel fiore rosso
mi dava un poco di speranza in fondo al cuore.
“Il mondo non è finito” pensavo,
“Qualcosa di bello c’è ancora, basta cercarlo”.
Ho allungato la mano tutta tremante
per vedere se era un’allucinazione
e appena mi sono accinto per accarezzar quel fiore,
ho visto attorno una fitta nebbia,
mi sono venute le vertigini,
in un minuto mi è mancata l’aria,
son stramazzato al suolo e sono morto.

Alessandria, 1 Agosto 2006
Gianni Regalzi
(La traduzione in lingua non rispetta la metrica
dell’originale in vernacolo alessandrino)