EL GÀT E U RUŠMARĖN di LUCIANO OLIVIERI – Poeta dialettale alessandrino contemporaneo

EL GÀT E U RUŠMARĖN

Sùta ‘na piànta ‘d ruśmarén,
‘na matéina ch’a pasava,
j’ò pià fora in bél gatén
che ai sò bśògn us dedicàva.
A j’ò dic: “T’at tràti bén!
Cun tǖti is verdǖri a dispušisiòn,
t’ai sernì in prufǖmén
ch’el fa piašì per dabòn!”
“Me a sòn in rafinà!
Cèrti udùr ai supòrt nénta…
ac’me chì j’ò terminà,
a m’aruit an s’el fòji ‘d ménta.”
“Asidént che finèsa!
T’am bǖti quàsi sugesiòn;
chì… per déti ‘na carësa
a dév ciaméti l’autorišasiòn!”
“E và bén! A fàs u dritu!
Ma… i sarràn afàri mé?!”
L’era méj s’à stava citu
e… ch’am gàva d’an ‘t i pé!

TRADUZIONE

IL GATTO E IL ROSMARINO

Sotto una pianta di rosmarino,
una mattina mentre stavo passando,
ho sorpreso un bel gattino
che, ai suoi bisogni, si stava dedicando.
Gli ho detto: ”Ti tratti bene!
Con tutte le verdure che hai a disposizione,
hai scelto un profumino
che è veramente piacevole!”
“Io sono un raffinato!
Certi odori non li sopporto…
appena ho finito qui,
mi rigiro sulle foglie di menta.”
“Accidenti che raffinatezza!
Mi metti quasi in soggezione;
allora… per darti una carezza
devo chiederti l’autorizzazione!”
“E va bene! Faccio il dritto!
Ma… saranno fatti miei?!”
Era meglio se stavo zitto
e… che mi tolga dai piedi!

LUCIANO OLIVIERI – Poeta dialettale alessandrino contemporaneo

Precedente Giocatori dell'U.S. Alessandria 1912: Felice Piccolo (stagione 2016/17) Successivo Dialet Lisandren: lingera