Crea sito

EL BURSÓN RUS

J’ó nent ancur capì sec l’è cu j’era
an cula valiz rusa acsì pezonta
che t’a m’hai facc tirè ‘n s’la caretera
e c’l’à peizava chilu quasi utónta.

Midondi, fasulёt, scarpi e bagaj,
in butiglión ‘d barbera, dói salam,
in rotul ‘d carta igienica; us sà mai,
cuccoza da mangiè; u t’amnijsa fam.

Ma fonda anche ‘l chёnt ‘d roba acsì tónta,
us riva nent a chilu quasi utónta
e a j’ò pensà che ‘ndrenta as bursn rus,
a t’abi nascundì u tó muruz.

Lisòndria, 12 Agust 2006
Gianni regalzi

Traduzione dell’Autore.

IL BORSONE ROSSO

Non ho ancora capito che cosa c’era/in quella valigia rossa così pesante/
Che mi hai fatto portare per la via/ e che pesava quasi ottanta chili.
Mutande, fazzoletti,scarpe e bagagli/un bottiglione di barbera, due salami/
Un rotolo ci carta igienica, non si sa mai/ qualcosa da mangiare; ti venisse fame.
Ma facendo anche il conto di così tanta roba/non si arriva a ottanta chili/
Ho quindi pensato che dentro quel grosso borsone rosso/
Tu abbia nascosto il tuo moroso.

P.S. La traduzione in lingua non rispetta né la metrica Né la rima alternata
Dell’originale in dialetto.

Gianni Regalzi