Cittadella

La fortezza si trova a nord-ovest della città di Alessandria ed è da essa separata dal fiume Tanaro. E' la zona più bassa della Regione Piemonte a circa 90 metri sul livello del mare. L'area di Alessandria e' sempre stata destinata ad essere una terra di confine. E' servita come fortezza nel Medioevo e, in particolare, nei secoli XVIII - XX tra i Savoia, la Repubblica di Genova e Milano. La Cittadella è stata costruita sulle rovine del preesistente quartiere di Borgoglio (o Bergoglio), dopo il trattato di Utrecht del 1713, quando Alessandria passò dal dominio spagnolo a quello di Casa Savoia. Per cui, al fine di soddisfare le esigenze di difesa del nuovo stato sabaudo, la fortezza militare fu interamente costruita a scapito dell'antico quartiere provocando una decisa rivoluzione urbanistica della città di Alessandria. La cittadella fu voluta da Vittorio Amedeo II e progettata dall'ingegnere Ignazio Bertola. Nasce così un'immensa fortezza esagonale che si estende su 20 ettari il cui lato più lungo è parallelo alla asse del fiume. La forma esagonale è dovuta alla necessità di difendere il confine lungo della città. La Cittadella è un perfetto esempio di moderna fortezza, si compone di sei bastioni ed e' circondata da fossati che in passato venivano inondati dalle acque del fiume. Vi si accedeva da un lungo ponte di pietra che conduceva ad una grande area circondata da edifici a più piani disposti secondo l'asse dell'antico quartiere di Borgoglio, tutti coperti da resistenti terrapieni costruiti tra il 1749 e il 1831. La costruzione e lo stato di conservazione degli edifici napoleonici sono unici. Durante l'occupazione francese la posizione e l'efficacia delle moderne fortificazioni ha fatto della Cittadella una delle fortezze più spettacolari dell'impero e il più ricco arsenale di tutta Europa. Dopo la Restaurazione il ripristino delle antiche mura dello stato sabaudo ha dato ancora una volta un ruolo fondamentale alla Cittadella. A causa della guerra tra lo stato sabaudo e l'Austria sono state effettuate modifiche e migliorie alla cittadella, come i fossati (1857), rendendo così Alessandria una città altamente fortificata. La resistenza vittoriosa della Cittadella durante la Seconda Guerra d'Indipendenza (1859) è un episodio chiave del Risorgimento italiano.
La fortezza si trova a nord-ovest della città di Alessandria ed è da essa separata dal fiume Tanaro. E’ la zona più bassa della Regione Piemonte a circa 90 metri sul livello del mare. L’area di Alessandria e’ sempre stata destinata ad essere una terra di confine. E’ servita come fortezza nel Medioevo e, in particolare, nei secoli XVIII – XX tra i Savoia, la Repubblica di Genova e Milano. La Cittadella è stata costruita sulle rovine del preesistente quartiere di Borgoglio (o Bergoglio), dopo il trattato di Utrecht del 1713, quando Alessandria passò dal dominio spagnolo a quello di Casa Savoia. Per cui, al fine di soddisfare le esigenze di difesa del nuovo stato sabaudo, la fortezza militare fu interamente costruita a scapito dell’antico quartiere provocando una decisa rivoluzione urbanistica della città di Alessandria. La cittadella fu voluta da Vittorio Amedeo II e progettata dall’ingegnere Ignazio Bertola. Nasce così un’immensa fortezza esagonale che si estende su 20 ettari il cui lato più lungo è parallelo alla asse del fiume. La forma esagonale è dovuta alla necessità di difendere il confine lungo della città. La Cittadella è un perfetto esempio di moderna fortezza, si compone di sei bastioni ed e’ circondata da fossati che in passato venivano inondati dalle acque del fiume. Vi si accedeva da un lungo ponte di pietra che conduceva ad una grande area circondata da edifici a più piani disposti secondo l’asse dell’antico quartiere di Borgoglio, tutti coperti da resistenti terrapieni costruiti tra il 1749 e il 1831. La costruzione e lo stato di conservazione degli edifici napoleonici sono unici. Durante l’occupazione francese la posizione e l’efficacia delle moderne fortificazioni ha fatto della Cittadella una delle fortezze più spettacolari dell’impero e il più ricco arsenale di tutta Europa. Dopo la Restaurazione il ripristino delle antiche mura dello stato sabaudo ha dato ancora una volta un ruolo fondamentale alla Cittadella. A causa della guerra tra lo stato sabaudo e l’Austria sono state effettuate modifiche e migliorie alla cittadella, come i fossati (1857), rendendo così Alessandria una città altamente fortificata. La resistenza vittoriosa della Cittadella durante la Seconda Guerra d’Indipendenza (1859) è un episodio chiave del Risorgimento italiano.

1610913_369047403296508_5104994815749317228_n20630_950535824979135_7193112659760722579_n 10426317_950538808312170_5536612140653127376_n 10984089_950535924979125_4125267838305111688_n 11130239_950535728312478_9000365813919416064_n11150341_949347055098012_4994709325911346442_n

64287_793756944029777_6089475572389096571_n
https://www.bookrepublic.it/book/9788887449808-la-cittadella-di-alessandria/
Foto notturna della Cittadella, molto suggestiva.
Foto notturna della Cittadella, molto suggestiva.

3153021386_cittadella

1239824_544874965568358_688390208_n

2274_0001_Large_2_1-870x 2274_0007_Large_2_1-870x2274_0010_Large_2_1-870x 2274_0011_Large_2_1-870x 2274_0032_Large_2_1-870x2274_0040_Large_2_1-870x 2274_0043_Large_2_1-870x 2274_0054_Large_2_1-870x2274_0057_Large_2_1-870x 2274_0061_Large_2_1-870x2274_0065_Large_2_1-870x 2274_0067_Large_2_1-870x2274_0072_Large_2_1-870x 2274_0082_Large_1_1-870x 2274_0084_Large_1_1-870x 2274_0098_Large_2_1-870x

 

Sfilata in costume medievale in Cittadella
Sfilata in costume medievale in Cittadella

1896933_711470752230514_1135180910_n

Ingresso della Cittadella.
Ingresso della Cittadella.

733915_643714775672779_1439698710_n1383645_644460052264918_2082416919_n66780_644460638931526_1380931163_n 526506_644476365596620_976900262_n 1377150_644476362263287_13187147_n 1380377_644476132263310_859972825_n 1380818_644460658931524_1925020397_n 1384128_644476172263306_517699252_n1395906_644476205596636_901258666_n

11855742_734118566698442_3745593413671819061_n

foto M. Roggero

14721689_1770373766558383_861732157576294195_n

foto Massimo Mussi (Ottobre 2016)

Precedente Vittorio Dettoni (mio suocero) da giovane Successivo Codex Alexandriae