Precedente NA SŰMIEUTA ‘NS L’OBELISCO di Gianni Regalzi Successivo Chi si riconosce?