Campionato di Lega Pro 2016/17 – Tuttocuoio-Alessandria 1-4 (Cazzola, Bocalon (2),Piccolo)

Grigi, grande vittoria: 4 a 1 al Tuttocuoio, doppietta di Bocalon!

Grigi vittoriosi nella ‘battaglia’ di Pontedera contro il Tuttocuoio, in una gara vibrante e ricca di emozioni. 4 a 1 il risultato finale per i ragazzi di mister Braglia:toscani in vantaggio al con 21′ conZenuni, ma prima Cazzola (28′) e poi Bocalon (37′) rimettono la gara sul binario giusto già nel primo tempo.

Nella ripresa grande spettacolo: prima Vannucchi al 50′ para un rigore di Tempesti.
Poi ci pensano Piccolo all’80’ (spettacolare goal in rovesciata acrobatica) e Bocalon all’85’ a rendere il risultato roboante.

Con questa vittoria l’Alessandria consolida la sua leadership in classica nel girone A della Legapro, con 22 punti: +4 sulla Viterbese, e +5 sulla Cremonese.

tra poco la cronaca completa del match.

http://mag.corriereal.info/wordpress/2016/10/09/grigi-grande-vittoria-4-a-1-al-tuttocuoio-doppietta-di-bocalon/

Gonzales Bocalon

I Grigi soffrono, poi dilagano: poker al Tuttocuoio

Pontedera | 09/10/2016 — Tuttocuoio – Alessandria 1-4
Tuttocuoio (4-3-1-2): Nocchi; Mulas (36’st Pellini), Falivena, Bachini, Picascia; Berardi, Caciagli, Provenzano; Zenuni (44’st Gelli); Shekiladze, Tempesti (30’st Siani). A disp.: Cappellini, Masia, Merkaj, Gremigni, Tiritiello, Serinelli, Frare, Lo Porto. All.: Fiasconi
Alessandria (4-4-2): Vannucchi; Sosa, Gozzi, Piccolo, Barlocco; Sestu (29’st Marras), Cazzola, Mezavilla, Iocolano (38’st Branca); Gonzalez (2’st Fischnaller), Bocalon. A disp.: LaGorga, Celjak, Manfrin, Cottarelli, Nicco, Marconi, Fissore. All.: Braglia
Arbitro: Piscopo di Imperia
Assistenti: Margheritino e Fantino di Savona
Reti:pt 21′ Zenuni, 27′ Cazzola, 36′ Bocalon; st 35′ Piccolo, 39′ Bocalon
Note: Cielo coperto, ventilato.Terreno sintetico. Spettatori: 700 circa Ammoniti: Gozzi, Zenuni. Gonzalez (dalla panchina), Bachini Angoli: 7-5 per l’Alessandria. Recupero: pt 0′, st 3′ In tribuna l’ex allenatore e poi ds Renzo Melani e Cristiano Lucarelli, già allenatore del Tuttocuoio

La corsa riparte con un poker, che respinge l’assalto delle inseguitrici. Una corsa frenata all’inizio dalla frenesia positiva del Tuttocuoio, con una reazione decisa dopo lo svantaggio. Ancora con un brivido in avvio di ripresa, ma dal rigore parato da Vannucchi la partita, gradatamente, gira di nuovo dalla parte degli uomini di Braglia, che ancora una volta ha dalla panchina un contributo importante. Nel finale il passo da grande, con un eurogol e la doppietta del ‘Boca’. Là in alto ci sono sempre i Grigi, saldamente padroni.
LE SQUADRE
Tre cambi nell’Alessandria rispetto al posticipo con la Cremonese. Cazzola riprende il suo posto a centrocampo, in coppia con Mezavilla. Sestu riparte titolare a destra, esterno basso è Sosa, e Celjak ha un turno di riposo. Il Tuttocuoio conferma il 4-3-1-2 e nel ruolo di trequartista, dietro la coppia Shekiladze – Tempesti, è promosso Zenuni, solitamente sulla fascia.
LA PARTITA
Avvio aggressivo dei padroni di casa, al 3′ Shekiladze incrocia del limite, palla che sfila di un nulla sul fondo, con Vannucchi in tuffo.
Al 20′ il volo miracoloso di Vannucchi, di pugno sul destro di Mulas, che si incunea tra Barlocco e Iocolano. Sugli sviluppi dell’angolo Tuttocuoio in vantaggio, con un sinistro al volo di Zenuni, impossibile da intercettare. Per la seconda gara consecutiva l’Alessandria va sotto.
E, come con la Cremonese, in sei minuti recupera il punteggio: mischia nell’area toscana, respinta corta, raccoglie Cazzola poco dentro l’area, destro potente che non dà scampo a Nocchi. I Grigi, però, continuano a soffrire, soprattutto sull’out di destra, con Mulas e Berardi, e Barlocco va in affanno e Iocolano deve abbassarsi spesso.
Ma proprio dalla cerniera di sinistra dell’Alessandria nasce il raddoppio: Iocolano vince il duello, serve Barlocco, cross teso sul secondo palo, Picascia buca l’intervento e Bocalon ribadisce in rete da due passi. Proteste dei padroni di casa per un fuorigioco dell’attaccante.
La ripresa inizia in salita: ripartenza di Shekiladze, che finisce a terra in area, spalla a spalla con Gozzi. Il rigore è regalato, ma ci pensa Tempesti a rimediare all’ingiustizia, calciando centrale un penalty che Vannucchi blocca in presa bassa, secondo tiro dal dischetto consecutivo neutralizzato.
Gol evitato e, per poco, gol segnato: al 6′ il sinistro di Iocolano sfila vicinissimo al palo. Rischio enorme al 14′, quando Picascia se ne va a sinistra, evita l’intervento di Gozzi e mette in mezzo e buon per i Grigi che Zenuni, questa volta, gira altissimo.
Anziché cercare la rete per mettere al sicuro la partita, l’Alessandria si abbassa troppo e concede molto campo ai neroverdi, che hanno accelerazioni pericolose sulle fasce. Quando sale, la formazione grigia guadagna un angolo e il colpo di testa di Mezavilla passa un metro sulla traversa.
Al 25′ il primo cambio: Braglia richiama Gonzalez, ben controllato e poco incisivo, e inserisce Fischnaller come seconda punta. Anche il secondo cambio è di ruolo, dentro Marras per Sestu. La squadra si alza di nuovo e in quattro minuti dilaga: al 35′, sulla punizione di Mezavilla da destra, blocco su Iocolano, ma in area Piccolo si esibisce in una versione spettacolare della ‘bicicletta’ per il 3-1.
Poi una azione tutta di prima, Marras per Fischnaller che apre per Bocalon, destro e Nocchi è ancora battuto.
La partita finisce con gestione della palla fino all’abbraccio finale con i quasi duecento sugli spalti. Avanti, sempre insieme

http://www.ilpiccolo.net/articolo.php?ARTUUID=520E7694-0A62-4320-A0F5-4D7E7ABBF015&MUUID=B0386E80-6678-4BCA-BA1E-AE4D9FAF93D3

 

Top & Flop di Tuttocuoio-Alessandria
09.10.2016 21:00 di Fabrizio Pozzi articolo letto 2789 volte
TOP: Cazzola (Alessandria)
© foto di Fabrizio Pozzi
TOP: Cazzola (Alessandria)
La gara tra Tuttocuoio ed Alessandria, valida per l’ottavo turno del girone di Lega Pro, si è conclusa sul punteggio di 1-4 grazie alle reti di Zenuni (T) al 21’, Cazzola (A) al 28’, Bocalon (A) al 37’ e 85’ e Piccolo (A) all’80’.
Si gioca sul sintetico del “Mannucci” di Pontedera ed i neroverdi partono a spron battuto, mentre gli ospiti mostrano più cautela. Già al 3’ Shekiladze, al culmine di un’iniziativa personale, ci prova di destro senza precisione. I ritmi restano alti, la gara molto godibile e gradualmente salgono di tono i grigi. Ma al 21’ Mulas prima impegna severamente Vannucchi e poi scodella al centro, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, per Zenuni il quale, appostato sul secondo palo, infila il vantaggio neroverde. La reazione della capolista è rabbiosa e, al 28’, c’è il gol da calcio piazzato per i grigi con Cazzola che, sugli sviluppi del terzo corner a proprio favore, sfrutta l’assist di Piccolo e calcia di potenza trovando il pareggio. I piemontesi insistono e al 37’ trovano il vantaggio. Barlocco si libera per la conclusione di sinistro ed offre per Bocalon che, in posizione alquanto dubbia, firma il vantaggio per i grigi tra le giustificate proteste dei padroni di casa. Ospiti che chiudono, così, in vantaggio la prima frazione.
La ripresa si apre con un rigore, concesso con un po’ di generosità dal signor Piscopo, a favore dei padroni di casa. Al 50’ Tempesti si presenta, dunque, sul dischetto ma, per la seconda volta in stagione, Vannucchi para annullando l’opportunità per gli avversari. I neroverdi non si arrendono, anche se rischiano in più di una occasione di naufragare. Cosa che puntualmente accade nel finale di gara, quando il divario diventa ancor più evidente e prima Piccolo, con una splendida sforbiciata al 80’, e poi Bocalon, ben servito dal neo-entrato Fischnaller all’85’, sigillano il punteggio sull’1-4.
Quarta vittoria esterna consecutiva per l’Alessandria, che mantiene con autorità la vetta della classifica con quattro lunghezze di vantaggio sulla Viterbese.

Ecco Top e Flop della gara.

TOP
Mulas (Tuttocuoio): nel primo tempo oltre a contenere, seppure in maniera parziale, un avversario della caratura di Iocolano, l’esterno trova il modo per rendersi pericoloso, ed offre a Zenuni l’assist per il provvisorio vantaggio neroverde. Citazione anche per l’albanese scuola Toro, schierato a sorpresa da mister Fiasconi ed autore del vantaggio. PRESENTE
Cazzola e Vannucchi (Alessandria): scegliamo il centrocampista, che offre il consueto apporto di grande concretezza al centrocampo alessandrino e, soprattutto, festeggia il 31° compleanno con il primo gol in maglia grigia. Impossibile, poi, non dare merito anche a Vannucchi il quale, per la seconda volta in stagione, para un rigore nella “sua” Toscana… AUGURI!

FLOP
Secondo tempo (Tuttocuoio): i ragazzi di mister Fiasconi provano in ogni modo a rendere difficile la vita alla capolista e, nonostante un divario tecnico davvero notevole, nella fase iniziale della gara ci riescono almeno in parte. Il rigore, concesso con una certa generosità dal direttore di gara e fallito malamente da Tempesti, è certamente stato il momento di svolta della partita. GENEROSI
Inizio di gara (Alessandria): bisogna essere molti severi nei giudizi per trovare difetti ad una squadra che riesce ad ottenere la quarta vittoria consecutiva in trasferta. Ad essere pignoli, dunque, possiamo notare che la formazione di Braglia comincia con troppa cautela e si lascia sorprendere dalla vivacità dei neroverdi. Dopo lo svantaggio, però, la reazione dei grigi è davvero veemente e degno di una squadra rango. SCHIACCIASASSI

 

http://www.tuttolegapro.com/altre-news/top-flop-di-tuttocuoio-alessandria-132220

Settebello Alessandria: Tuttocuoio rimontato e travolto 4-1

TUTTOCUOIO-ALESSANDRIA 1-4

Marcatori: Zenuni, Cazzola, Bocalon, Piccolo, Bocalon

Alessandria: Vannucchi, Sosa, Piccolo, Gozzi, Barlocco, Sestu (Marras), Cazzola, Mezavilla, Iocolano (Branca), Gonzalez (Fischnaller), Bocalon

Il live della partita 

PONTEDERA – L’Alessandria ricomincia a vincere. A Pontedera i grigi infilano il settimo successo, il quarto di fila in trasferta, dimostrandosi ancora una volta esperti e spietati. La squadra di mister Braglia si conferma prima e tiene a distanza di quattro e cinque punti la sorpresa Viterbese e la Cremonese, capace di battere l’Arezzo proprio all’ultimo respiro.

Esultano i circa 150 tifosi grigi in trasferta in Toscana, al termine di una sfida che di certo non era cominciata sotto i buoni auspici. La scorribanda di Shekiladze conclusa con un destro troppo incrociato e il sinistro a girare di Mulas parato da un super Vannucchi sono stati due campanelli d’allarme che però non sono riusciti a svegliare Sosa e compagni: ci ha pensato Zenuni, quindi, a bucare la rete mandrogna, in spaccata su splendido cross di Mulas intorno al 20′.

Incassato il colpo, però, l’Alessandria non ha barcollato. Ai grigi sono bastati poco più di cinque minuti per pareggiare con un destro secco di Cazzola, su sponda di Iocolano. A dieci minuti dall’intervallo l’Orso mette la freccia: scorribanda di Barlocco ben servito da Iocolano e, sul sinistro incrociato del numero 20, ci pensa Bocalon a mettere la palla in rete tutto solo. Le proteste dei padroni di casa, però, sono ingiustificate: Bocalon si trova oltre la linea dei difensori al momento del passaggio di Barlocco ma la sfera viene intercettata da un giocatore avversario,un tocco che rimette in gioco il bomber veneto.

Nella ripresa il Tuttocuoio riparte con le migliori intenzioni. Dopo cinque minuti i neroverdi conquistano un rigore per fallo di Gozzi su Shekiladze lanciato a rete. L’arbitro ammonisce l’ex Modena, non considerato ultimo uomo vista la presenza di Sosa. Dal dischetto si presenta Tempesti ma Vannucchi para il suo secondo rigore stagionale accasciandosi sulla sua destra e bloccando il tiro troppo centrale del numero 9. Il pericolo scampato mette il turbo ai grigi che con Iocolano sfiorano il tris ma la girata del numero 10 finisce fuori di un niente. Cominciano i cambi e le occasioni degne di nota calano. A dieci minuti dalla fine Piccolo infila Nocchi con una sforbiciata da applausi: la palla si insacca quasi nel sette e cominciano i titoli di coda. All’84′ Bocalon timbra il poker e fa doppietta, grazie a un delizioso assist del neo entrato Fischnaller.

“Abbiamo iniziato male, siamo andati in difficoltà”  ha detto a fine gara mister Piero Braglia “Loro giocavano bene, erano vivaci e veloci. Sapevamo che ci avrebbero messo in difficoltà, ne avevamo parlato. Ma siamo stati bravi a riprendere la partita. Nel secondo tempo, al di la del rigore, è venuta fuori la nostra miglior qualità. Faccio i complimenti al Tuttocuoio. Nel secondo tempo abbiamo fatto bene anche noi, specialmente nell’ultima mezz’ora. Gonzalez? Non sempre riesce a cantare e portare la croce. Anche lui è umano. Spende molte energie e probabilmente a volte fa fatica a recuperare. Averne di giocatori come lui. Sono contento anche dei giocatori sono entrati dalla panchina. Il gol di Piccolo? Ogni tanto ha provato lo stesso gesto tecnico in allenamento.” 

“Il rigore parato? E’ stato un episodio importante per il prosieguo della partita”  ha sottolineatoGianmarco VannucchiHo avuto la sensazione che la tirasse lì. Conoscevo Tempesti dai tempi delle giovanili dell’Empoli. Loro sono partiti forte, non dovevamo prendere gol ma abbiamo reagito bene, da uomini maturi.” 

“E’ stato un bel gol. Non ci credo di averlo fatto, voglio rivederlo” ha detto Felice Piccolo “Ci tenevo a segnare visto che c’era mio fratello a vedermi. Lo dedico a lui. Sono convinto che non saranno tante le squadre a vincere. Loro hanno qualità, sono più abituati a giocare su questo campo, hanno entusiasmo. Il campo all’inizio era un po’ scivoloso. Poi abbiamo preso le misure e siamo venuti fuori. Ammetto che il risultato è bugiardo, ma ce lo portiamo a casa.”

14570438_1353922057951495_1607164258849788774_n

14494605_1029992797098134_2441825463213950004_n 14516461_1029993317098082_6339961422666088233_n 14517479_1029992327098181_1330823113124435719_n 14517503_1029993447098069_290082168262155296_n 14523029_1029993233764757_7699839373473704946_n 14525130_1029992513764829_5729283440103018091_o 14570282_1029992347098179_283295933145114816_n 14570458_1029993177098096_1430306376080682081_n 14572362_1029992680431479_980194835130590712_n 14572439_1029993077098106_8873576265565796791_n 14581456_1029992440431503_6659120227864267521_n 14591799_1029992540431493_1442524391263831106_n 14595688_1029993580431389_8647257449368063545_n 14595805_1029992847098129_5616201638647264306_n 14604846_1029992123764868_3801115516654875032_n 14606260_1029993603764720_1969976038625062246_n 14606445_1029993410431406_6392013946152361075_n 14610970_1029993127098101_3070099569469251843_n 14615761_1029993477098066_5729398110299579208_o 14633024_1029993510431396_7835750730675230696_n 14633072_1029992490431498_4023114464671981562_n 14633088_1029992603764820_1265093522272404484_n 14642111_1029993500431397_6225868066139043271_n 14650132_1029992313764849_5050825050155048230_n 14650564_1029993040431443_5643973920013789146_n 14656242_1029993323764748_1980783301479145841_n 14656309_1029992557098158_2762938802225620438_n 14657297_1029993307098083_4073781069253983618_n 14657370_1029992883764792_6964057494486405959_n 14666166_1029993187098095_1491058083631088008_n 14670769_1029993840431363_8245081434356460579_n 14671334_1029992870431460_5020914825966208440_n

Sport

Braglia: “La sofferenza potevamo evitarla. Secondo tempo in crescendo”

Calcio

Pontedera | 09/10/2016 — Gli piace questa Alessandria che sa soffrire. Ad essere sinceri Piero Braglia vorrebbe anche soffrire un po’ di meno. Almeno, meno di quanto gli tocca fare nei primi venti minuti contro un Tuttocuoio che, alla vigilia, aveva dichiarato che provare a battere la capolista sarebbe stato come scalare l’Everest, ma i giovani di Luca Fiasconi sono attrezzati anche per grandi imprese.
E il tecnico dei Grigi si agita in panchina, perché i ragazzi di Fiasconi ci provano e Braglia si arrabbia quando vede la fatica dei suoi, che sono troppo bassi e vanno in affanno quando gli avversari accelerano. “Sofferto e reagito, certo. Ma la sofferenza avremmo dovuto evitarla – insiste il tecnico dei Grigi – perché avevamo studiato bene il Tuttocuoio, sapevamo di trovare una squadra vivace, attrezzata, organizzata, che ha nella velocità una delle armi migliori. Evidentemente, almeno all’inizio, avevamo la testa da un’altra parte”.
Lo svantaggio – “da evitare” – però gira, per la prima volta, la gara dalla parte dei Grigi. “Da quel momento la squadra ha iniziato a piacermi. Perché non so davvero come sarebbe stata la gara se fossimo andati al riposo in svantaggio”.
La seconda svolta all’inizio della ripresa, con il rigore parato. “Ma il secondo tempo, a parte un paio di episodi, lo abbiamo giocato bene, in crescendo. Con un gran finale, ma ancora prima dei gol avevamo dimostrato che la squadra era più sicura in campo”.
Per la seconda partita consecutiva Gonzalez in ombra, ben controllato, meno decisivo. “Pablo è un generoso, che gioca moltissimo per la squadra. Non sta scritto da nessuna parte che debba essere sempre lui a decidere le partite. Ripeto, lui fa davvero tanto, può anche essere meno brillante in qualche gara, ma noi dobbiamo sempre ringraziarlo per quello che ci dà”.
Spostati in avanti di qualche minuto rispetto ad altre gare, ma ancora una volta il contributo dalla panchina è stato molto importante. “Faccio i complimenti a tutti a tre, a Marras, a Fischnaller, a Branca, perché sono entrati molto bene nella partita e hanno dato un contributo a chiuderla con le due reti nel finale”
La partita delle prime volte. Di Cazzola, per rimettere in gioco. Proprio nel finale il capolavoro di Piccolo per mettere in cassaforte il risultato. “Felice è uno che ha solo bisogno, a volte, di essere pungolato. Ed è uno veloce e sempre ben dentro la gara. Il gol? In allenamento si diverte a provare quel gesto, questa volta gli è riuscito proprio bene”.

http://www.ilpiccolo.net/articolo.php?ARTUUID=D84A98A8-EEAC-43E5-B311-EFB302E0D7C1&MUUID=B0386E80-6678-4BCA-BA1E-AE4D9FAF93D3

Precedente ALEcomics - Festival del fumetto - Cittadella di Alessandria - 8-9 ottobre 2016 Successivo Alessandria, alba nebbiosa nei pressi del fiume Bormida.