Alessandria-Piacenza e quella lontana volta con le autoblindo

Alessandria-Piacenza e quella lontana volta con le autoblindo

Solamente nell’immediato dopoguerra, nel campionato Misto B-C Alta Italia, i percorsi di Alessandria e Piacenza si incrociano anche sul terreno di gioco.
Alla terza giornata di andata i Grigi avevano espugnato il terreno emiliano con un secco 5-2 rimontando nell’ultima mezz’ora lo 0-2 iniziale.
Nella partita di ritorno giocata al “Comunale” (nome usato dopo il 25 aprile per sostituire il “del Littorio” di mussoliniana memoria) si materializzò la rivincita piacentina per 3-2; la gara divenne famosa per gli incidenti immortalati anche sulla “Domenica del Corriere”.
“La Stampa” pubblicò solamente questo breve resoconto: “Alla fine dell’incontro Alessandria-Piacenza alcuni esagitati non contenti di qualche decisione arbitrale, hanno preso a sassate l’autobus dei giocatori piacentini e le vetture al seguito, frantumando i vetri: rimanevano feriti un autista e tre giocatori fra cui il terzino Tofanetti gravemente. Accorrevano due autoblinde della ‘Cremona”’con un forte nucleo di carabinieri che venivano accolti con urla e fischi e minacce. Mercè il loro intervento la folla si disperdeva e l’arbitro contro cui si appuntavano ora le ire dei tifosi, poteva raggiungere la stazione incolume”.

 

Precedente Immagine raffigurante il tessuto urbano di piazza Reale di Alessandria (in seguito piazza della Libertà) Successivo Ospedale di San Bartolomeo - 1389